Curriculum, formazione e successi di Michele Laurelli, giovane savonese che è riuscito a trasformare la passione per il mondo tech in una brillante carriera in ascesa.

Trasformare la passione per la tecnologia in una carriera solida e in continua ascesa è un obiettivo che non tutti sono in grado di raggiungere. Ci è riuscito brillantemente Michele Laurelli, fondatore e CEO di Algoretico, startup che offre servizi di Intelligenza Artificiale e si propone di diventare il principale punto di riferimento sulla IA in Italia, sia dal punto di vista strettamente tecnico sia in ambito educativo.

Classe 1991, Michele Laurelli vanta un curriculum ricco di esperienze, qualifiche e competenze che lo hanno portato a ricoprire diversi ruoli di rilievo nonostante la giovane età. Alla guida di Algoretico, infatti, si aggiungono l’incarico di Advertising Manager presso Merlin Wizard e l’impegno come docente di informatica e Intelligenza Artificiale presso l’Istituto Italiano di Criminologia di Vibo Valentia.

Michele Laurelli
Michele Laurelli

Algoretico: l’Intelligenza Artificiale a portata di tutti

L’Intelligenza Artificiale nasce per risolvere problemi e semplificare la vita delle persone, rappresentando una risorsa concreta e vantaggiosa per portare l’umanità un passo in avanti nel percorso di evoluzione: su questa consapevolezza nasce l’idea di fondare Algoretico, startup innovativa attiva dal 2016 e specializzata nella creazione di hardware e software basati sulla IA.

La mission aziendale è quella di mettersi a disposizione di privati e imprese per concretizzarne i progetti più innovativi, favorendo lo sviluppo del business grazie all’utilizzo delle tecnologie digitali.

L’attività svolta dai team che fanno capo ad Algoretico, infatti, parte dall’analisi delle richieste dei clienti per costruire soluzioni su misura sempre trasparenti e curate nei minimi dettagli. Alla programmazione si affianca la divulgazione scientifica ad ampio raggio sui temi legati al Digitale, alla IA e al marketing cognitivo.

Michele Laurelli
Michele Laurelli

Progetti rilevanti e pubblicazioni

Laurelli vanta una lunga collaborazione con un’importante gruppo industriale piemontese come responsabile commerciale e direttore marketing. Nel 2014 ha fondato il magazine online “Midnight”, amministrato fino al 2018, anno in cui è nata la sua prima società WBD focalizzata sul marketing cognitivo, Big Data analysis e sull’utilizzo di infrastrutture di IA.

È anche fondatore DNART.io e nel 2019 è stato consulente di Imagina per lo studio sulle fake news, progetto finanziato dalla Commissione Europea.

Nel 2020, inoltre, Laurelli dato vita alla prima intelligenza artificiale in grado di scrivere poesie in italiano: il progetto sperimentale “PoAltry” si basa su tre algoritmi generati per insegnare a una rete neurale artificiale il lessico, le strutture testuali e la sintassi proprie della lingua italiana.

Nello stesso anno Michele Laurelli ha pubblicato due libri sempre in tema IA:

  • Dialoghi con una Intelligenza Artificiale, saggio che approfondisce le modalità in cui le nuove tecnologie interagiscono con la realtà circostante, creando collegamenti con la psicologia cognitiva, la filosofia, la sociologia, la scienza e la politica;
  • Come un’anima di Cristo: Poesie create da un’IA, operazione editoriale unica nel suo genere che mette nero su bianco le poesie generate da “PoAltry”.

Non solo tecnologia: curiosità e interessi personali

Nato in provincia di Savona, Laurelli ha frequentato il corso di Composizione e Direzione d’Orchestra presso il conservatorio Paganini di Genova, coltivando la sua passione per la musica.

Oltre a essere un appassionato scacchista, dedica gran parte del suo tempo libero al suo Border collie.

Riproduzione riservata © 2021 - LEO

ultimo aggiornamento: 02-11-2021


Chi è Chiara Ferragni: dai primi passi alla costruzione di un impero

Chi è Emma Bonino, dalla fondazione del Cisa al ruolo di Senatrice