Il modulo di autocertificazione dello stato di famiglia ci permette di fornire informazioni sulla famiglia anagrafica. Ecco come funziona.

Il modulo di autocertificazione dello stato di famiglia è la versione home made di un importante documento ufficiale che contiene la composizione di una famiglia anagrafica.
Prendendo più alla larga questo discorso, il sopracitato modulo contiene le generalità di tutti coloro che abitano sotto lo stesso tetto. Grazie al modulo di autocertificazione dello stato di famiglia è facile e veloce dichiararne la composizione in carta libera, accettata nella maggior parte dei casi.

Il termine famiglia non è inteso come gruppo di soggetti uniti da un legame di parentela ma è utilizzato per elencare tutti coloro che vivono all’interno della stessa abitazione.

La famiglia anagrafica, dal punto di vista legislativo, viene intesa come un insieme di persone che hanno dimora abituale nello stesso comune, che hanno una residenza coincidente e che sono legate da vincoli affettivi, di matrimonio, di affinità, di parentela, di tutela o di adozione.

pila di documenti
fonte foto: https://unsplash.com/photos/tn57JI3CewI

Dove si può trovare il modulo di autocertificazione dello stato di famiglia?

Esistono diversi servizi online che offrono il modulo per l’autocertificazione dello stato di famiglia. A questo link, ad esempio, è possibile scaricare un modello di stato di famiglia che va compilato a penna mentre a quest’altro link è possibile seguire una procedura guidata per ottenere poi un documento da stampare e firmare.

screenshot modulo autocertificazione online
Fonte foto: http://www.comuni.it/certificati/certificazione-di-stato-di-famiglia

Per essere valido, il modulo autocertificazione dello stato di famiglia deve contenere i dati anagrafici del richiedente e dei coabitanti nella abitazione. Infine, tra i dati richiesti dal modulo, troviamo anche l’indirizzo di residenza.

È importante tenere a mente un fatto: la dichiarazione dello stato di famiglia, anche se autocertificata, ha valore legale. Se essa viene compilata con informazioni false o mendaci potremmo incorrere in sanzioni di carattere penale.

L’autocertificazione dello stato di famiglia ha valenza pari a sei mesi decorrenti dal giorno dichiarato sul documento. Decorsi questi sei mesi sarà necessario seguire nuovamente la procedura o, in alternativa, prorogarne la validità attraverso la compilazione di un’altra autocertificazione firmata.

L’autocertificazione dello stato di famiglia può certificare anche la nostra residenza.
Se abbiamo la necessità di certificare soltanto quella possiamo richiedere un altro documento specifico, chiamato certificato di residenza.

Esistono differenze tra i vari stati di famiglia?

faldone di documenti
fonte foto: https://unsplash.com/photos/XN4T2PVUUgk

Il modulo autocertificazione stato di famiglia è importante per una svariata serie di ragioni ed è uno dei documenti più richiesti all’interno della burocrazia italiana.

Il documento relativo allo stato di famiglia può essere richiesto in due modi molto specifici: attraverso un’apposita richiesta all’ufficio anagrafe del nostro comune di residenza o attraverso un autocertificazione redatta e stampata in casa. Questa seconda opzione, nota anche come dichiarazione sostitutiva dello stato di famiglia, è la più comune ed è quella richiesta nella maggior parte dei casi.

Tra queste due tipologie di stati di famiglia esistono differenze: quella del comune, se abbiamo necessità di stamparla su carta bollata, richiede 16 euro di marca da bollo e va redatta mostrando un documento d’identità in corso di validità ad un pubblico ufficiale.

Al contrario l’autocertificazione è completamente gratuita e non ci verrà richiesto nessun tipo di documento.

L’autocertificazione, può venire rifiutata da aziende private in base a regole interne ma, invece, viene sempre accettata da amministrazioni pubbliche o aziende che erogano i servizi pubblici.

Fonte foto copertina: https://unsplash.com/photos/OQMZwNd3ThU


A quanto corrisponde la durata di una visura camerale?

La dimissione on line: come funziona e come si invia