La dimissione on line è il mezzo principale da utilizzare se, per qualunque motivazione, siamo intenzionati a mettere fine al nostro rapporto lavorativo.

Con i tempi che corrono, la digitalizzazione dei processi burocratici è sempre più diffusa, in un processo in rapida espansione che è destinato ad aumentare sempre di più. Da qualche tempo a questa parte è toccato anche alle lettere di dimissioni. A partire dal 16 Marzo 2016, infatti, la dimissione on line ha preso il posto di quella tradizionale.

Per poter interrompere in maniera efficace e perentoria il proprio rapporto di lavoro, non è più sufficiente spedire una lettera raccomandata al datore di lavoro, bensì seguire una specifica procedura telematica. Questa procedura di dimissione on line viene messa a disposizione di noi cittadini, in maniera completamente gratuita, dal noto portale web Cliclavoro, raggiungibile a questa pagina.

screenshot cliclavoro dimissioneon line
Fonte foto: https://www.cliclavoro.gov.it/Cittadini/Pagine/Adempimenti.aspx

Cliclavoro è il portale pubblico ufficiale, patrocinato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che si occupa di fornire servizi telematici online dedicati al cittadino lavoratore, come ad esempio tutto ciò che riguarda le dimissioni, la sicurezza sul lavoro, lo smart working, la formazione lavorativa per i giovani e così via.

In questa guida, ci occuperemo di fornire passo dopo passo tutti gli step da seguire per ottenere una lettera di dimissione online completa ed efficace.

Le dimissioni telematiche

Per poter procedere alle dimissioni telematiche e dunque concludere il rapporto di lavoro, possiamo avvalerci di più possibilità.

Innanzitutto, possiamo rivolgerci personalmente a uno degli uffici INPS competenti a livello territoriale. Possiamo presentarci personalmente presso il nostro ente abilitato di fiducia (per esempio CAF, patronati, consulenti del lavoro, Ispettorato del Lavoro). Così facendo, anche chi non è dotato di Identità Digitale potrà procedere alle dimissioni senza problemi.

Se invece abbiamo intenzione di fare tutto in autonomia, gratuitamente e in tempi molto rapidi, (considerando che le dimissioni telematiche non prevedono file e inutili attese), possiamo raggiungere il portale web Cliclavoro e compilare da soli il modulo di dimissioni. 

La procedura completa per le dimissioni on line

Come abbiamo anticipato nel precedente paragrafo, Cliclavoro è il portale ufficiale per i servizi del lavoro  patrocinato dal Ministero competente.
Per potervi accedere, possiamo o recarci sulla pagina ufficiale di Cliclavoro. Se adiamo di fretta possiamo collegarci direttamente alla pagina preposta che ci porterà direttamente nella sezione “Dimissioni volontarie” del sito ufficiale dell’INPS.

screenshot cliclavoro dimissioni volontarie
fonte foto: https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=50916

A questo punto, facciamo clic su “Accedi al servizio”, in fondo alla pagina e prepariamoci ad effettuare l’accesso.

Una volta reindirizzati dal sito stesso al sistema di accesso universale, possiamo effettuare il login utilizzando le nostre credenziali SPID (Sistema Pubblico per l’Identità Digitale); la nostra Carta d’Identità Elettronica (CIE) oppure, se siamo dipendenti della Pubblica Amministrazione, facciamo clic sulla sezione “Accesso PA”.

Effettuato con successo l’accesso, clicchiamo su “Dimissioni volontarie”: quella che ci troveremo davanti è una schermata che presenta tutto l’elenco storico delle nostre precedenti dimissioni. A questo punto, dobbiamo fare clic sulla voce “Inserisci una nuova dimissione”. 

Fatto anche questo, dobbiamo semplicemente procedere alla compilazione del modulo in ogni sua parte: la prima riguarda i dati del Lavoratore, poi si passa alla Sezione 2- Dati Datore di Lavoro, poi abbiamo la Sezione 3 – Rapporti di Lavoro (specificando se il lavoro è antecedente o successivo al 2008) e, infine, Sezione 4 – Recesso dal Rapporto di Lavoro.

È sempre bene ricontrollare con attenzione che tutti i dati inseriti siano corretti e che la compilazione nel suo complesso sia andata a buon fine. Solo a questo punto possiamo concludere la procedura e fare clic sul pulsante “Salva”, di colore blu, in fondo alla pagina.

Dimissioni volontarie online

Le dimissioni volontarie online sono obbligatorie per tutti i lavoratori dotati di contratto di lavoro dipendente.

Tuttavia, è ancora valida la lettera di dimissioni cartacea per i lavoratori domestici (colf, badanti, babysitter); per coloro i quali siano sottoposti a contratto di stage, collaborazione, tirocinio e, infine, per i lavoratori del settore marittimo.

La data di decorrenza delle dimissioni deve far riferimento al giorno al partire dal quale il rapporto di lavoro viene interrotto. Dunque il giorno successivo all’ultimo giorno di lavoro.
È chiaro che questa data dovrà essere conforme al dettato di legge e quindi essere rispettosa dei tempi di preavviso stabiliti dai singoli contratti di lavoro.

Oltre alla data fondamentale relativa al giorno di recesso dal rapporto di lavoro, durante la compilazione delle dimissioni volontarie online dobbiamo avere a portata di mano, oltre ai nostri dati anagrafici, le informazioni relative a codice fiscale, denominazione, email, PEC e indirizzo della sede di lavoro del nostro datore.

Una volta conclusa la compilazione del modulo, possiamo comodamente salvarlo sul nostro PC e stamparlo.
L’invio del modulo di dimissioni volontarie online è automatico, in quanto abbiamo inserito l’indirizzo PEC del nostro datore di lavoro già in fase di compilazione.

screenshot cliclavoro pagina principale
Fonte foto: https://www.cliclavoro.gov.it/

Per legge, il lavoratore dimissionario ha a disposizione 7 giorni di tempo per procedere alla revoca delle dimissioni. Il tempo comincia a decorrere dal momento dell’invio del modulo di dimissioni volontarie online.


Come fare il modulo di autocertificazione dello stato di famiglia

Tabella aliquote IRPEF: gli scaglioni in vigore nel 2021