I bonus ristrutturazione casa che si possono chiedere per l’anno 2022: le tipologie, le scadenze da rispettare e come inoltrare la richiesta.

Sono attualmente disponibili diversi bonus ristrutturazione casa per il 2022, ai quali si può accedere al fine di ottenere delle agevolazioni sugli interventi che sono attuati sugli immobili. Ecco quali tipologie esistono, come richiederli e le scadenze da rispettare.

Bonus ristrutturazione casa 2022: quali richiedere

È stato raggiunto l’accordo sulla cessione del credito del Superbonus, presente nel decreto Aiuti bis. Per questo motivo, le agevolazioni relative ai bonus ristrutturazione casa 2022 sono state sbloccate e, con esse, i relativi fondi messi a disposizione per chi ne avrà diritto.

Esistono diverse tipologie di bonus ai quali si può accedere, qualora si posseggano i requisiti per richiederli:

  • Superbonus Case Unifamiliari: questo bonus non avrà proroga, pertanto, chi è in possesso di villette e sta effettuando lavori di ristrutturazione, dovrà dimostrare – entro il 30 settembre 2022 – di aver svolto almeno il 30% dei lavori preventivati. Pertanto, in questo caso, al fine di ottenere il 110%, si avranno a disposizione altri tre mesi;
  • Superbonus Condomini: la scadenza prevista per la richiesta di questo tipo di agevolazione è prevista per il 31 dicembre 2022 e, nei due anni seguenti, si potrà ottenerne una percentuale, anche se è consigliabile effettuare i lavori con una certa rapidità;
  • Bonus barriere architettoniche: in questo caso, è possibile ottenere una detrazione delle spese pari al 75% per effettuare interventi in edifici esistenti. La scadenza è fissata per il 31 dicembre 2022. Non ci sono proroghe, al momento. La spesa massima per gli edifici unifamiliari è fissata al 50 mila euro, 40 mila per gli edifici che hanno otto unità immobiliari e, per nove unità in su, 30 mila euro.

Questi sono solo alcuni dei bonus che si possono richiedere entro le scadenze previste. Ne esistono, infatti, anche altri, tra i quali annoveriamo quello dedicato alle facciate esterne degli edifici.

Bonus ristrutturazioni
Bonus ristrutturazioni

Gli altri bonus: facciate, standard e ristrutturazione

Oltre ai bonus segnalati nel paragrafo precedente, è possibile accedere anche ad altre tipologie di bonus, che vi elenchiamo di seguito:

  • Bonus facciate: la scadenza è fissata per il 31 dicembre e non ci saranno proroghe, quantomeno al momento. È previsto un rimborso del 60% in dieci anni senza limiti di spesa;
  • Ecobonus standard: qualora non si riesca ad ottenere il Superbonus, c’è la possibilità di accedere all’ecobonus standard che ha una scadenza fissata per la fine del 2024. In dieci anni, la spesa può essere agevolata tra il 50% e l’85%. Può essere richiesto anche per immobili non residenziali e per soggetti IRES.
  • Bonus ristrutturazione: prevista una detrazione fiscale del 50% in dieci anni, su un massimo di 96 mila euro per immobile.

Questi bonus, a parte quello per le facciate, come si può notare, hanno scadenze più lunghe rispetto ai bonus stilati in precedenza.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 07-10-2022


Il 35% delle start up italiane dell’agroalimentare lavora al risparmio energetico

Ferrarelle investe su Sanidrink, la start up del packaging sicuro che difende l’ambiente