Con l’aggiornamento dell’app IO sarà garantito il cashback anche tramite le tessere del supermercato, che spesso sono delle vere e proprie carte di pagamento.

Alla fine del 2020 l’Italia ha attivato, per tutti i cittadini maggiorenni, il Cashback di Stato. Il programma prevede un rimborso su tutti gli acquisiti dei privati effettuati tramite bancomat, carte e app di pagamento. Per aderire al servizio basta registrarsi con l’app IO e associare il proprio metodo di pagamento preferito. Grazie all’ultimo aggiornamento, sarà possibile inserire anche le carte di pagamento della grande distribuzione. D’ora in poi tutti potranno usufruire del cashback pagando con le proprie tessere del supermercato.

Dove sarà possibile ottenere il cashback con le tessere fedeltà del supermercato?

L’avvento del cashback ha creato sin da subito una competizione tra le classiche carte degli istituti di credito e quelle di proprietà delle catene di distribuzione. Com’era da aspettarsi, queste ultime avevano perso attrattiva a causa dell’impossibilità di ottenere il rimborso del 10% previsto dal piano nazionale Italia Cashless.

Pagamento con carta contactless
Pagamento con carta contactless

Le tessere di supermercati, discount e ipermercati sono spesso predilette dai consumatori perché danno diritto a numerosi vantaggi, come ad esempio sconti extra sui prodotti o possibilità di guadagnare dei punti fedeltà.

Ovviamente, non tutte le tessere fedeltà per fare la spesa saranno comprese tra quelle previste dall’app IO. A rientrare nel meccanismo del rimborso saranno soltanto quelle che svolgono la funzione di carta di credito. Citiamo, tra le principali, la Fidaty Oro di Esselunga, la Supercard di Coop, o ancora la Più Conad Card di Conad.

Come funziona il Cashback di Stato

Continua a crescere in Italia il numero di utenti attivi nel servizio Cashback. Attualmente sono circa 7 milioni, nonostante alcune criticità riscontrate, come ad esempio quelle con i rimborsi, o le polemiche fra partiti politici riguardo a una possibile cancellazione.

Per iscriversi al programma è sufficiente un account SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), che permette l’accesso nell’app IO. Il download è disponibile sia per i dispositivi Android, sia per i dispositivi Apple.

Il rimborso, pari al 10% della spesa totale, è possibile per gli acquisti in bar, ristoranti, negozi, grande distribuzione, attività artigianali e prestazioni di professionisti. Non sono inclusi gli acquisti effettuati online.

Il programma è diviso in periodi di sei mesi. Per ogni semestre il rimborso massimo ottenibile è di 150 euro (15 a transazione). Pur non esistendo un limite minimo di importo per singola spesa, bisogna accumulare almeno 50 transazioni per convalidare il rimborso totale.


Il Nutri-score penalizza i prodotti italiani: l’alternativa è il Nutrinform Battery

Le pesche siciliane diventano IGP: importante riconoscimento per il frutto di Delia