Elisabetta Belloni è la prima donna eletta alla guida dei Servizi Segreti. Scopriamo insieme la sua biografia, dai gesuiti agli Esteri.

Elisabetta Belloni è stata scelta da Mario Draghi come prima donna a capo dei Servizi Segreti. Con una carriera da diplomatica iniziata nel lontano 1985, si è sempre battuta per le sue idee. Scopriamo insieme la sua biografia, tra incarichi prestigiosi e passioni accantonate per occuparsi del suo lavoro.

Chi è Elisabetta Belloni: la biografia

Classe 1958, Elisabetta Belloni nasce l’1 settembre a Roma. Dopo il diploma presso l’Istituto Massimiliano Massimo dei Gesuiti, dove lei e un’altra ragazza sono state le prime studentesse donne ad essere ammesse, si iscrive alla facoltà di Scienze Politiche dell’Università LUISS Guido Carli. Nel 1982 si laurea con una tesi in tecnica del negoziato internazionale e nel 1985 presta servizio alla Farnesina presso la Direzione generale degli affari politici. La sua carriera diplomatica spicca così il volo e nel 1986 lavora presso l’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO) a Vienna.

Dal 1989 al 1992 ricopre diversi incarichi di prestigio: è alla Direzione affari politici, segue i lavori della Conferenza sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa (CSCE), è Vice Capo della Delegazione CSBM (Confidence and Security Building Measures) a Vienna e membro della delegazione italiana alla conferenza di Helsinki sui seguiti della CSCE. Prima di tornare in Italia, dal 1993 al 1999, la Belloni è eletta Primo Segretario a Vienna alla Rappresentanza diplomatica presso le Organizzazioni internazionali poi all’Ambasciata d’Italia a Bratislava.

Nel 1999 Elisabetta rientra a Roma. Qui presta servizio prima presso l’Ufficio Russia della Direzione affari politici, poi come capo della Segreteria alla Direzione per i Paesi dell’Europa. Dal 2001 al 2004 ricopre altri incarichi di prestigio: Capo dell’Ufficio per i Paesi dell’Europa centro-orientale e capo della Segreteria del Sottosegretario di Stato agli Esteri e Capo dell’Unità di Crisi della Farnesina.

Dal 2015, la Belloni assume l’incarico di Capo di Gabinetto del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Nel 2021, il Presidente del Consiglio Mario Draghi la nomina a capo dei Servizi Segreti e diventa la prima donna della storia a ricoprire il ruolo.

La vita privata di Elisabetta Belloni: marito e figli

Elisabetta Belloni è sempre stata una donna estremamente riservata. È stata sposata con Giorgio Giacomelli, morto nel febbraio del 2017. Lui era un ambasciatore di origini padovane, che ha ricoperto per oltre 30 anni incarichi diplomatici presso territori difficili, come Siria e Somalia. Molto probabilmente, ad averli uniti per tanti anni sono stati gli stessi valori. Nel corso della sua lunga carriera, Giacomelli è stato responsabile dell’Agenzia per i rifugiati palestinesi e direttore generale del Dipartimento per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri.

Capita anche a me di pensare che sono più le cose che non ho fatto di quelle che ho fatto. Ho iniziato a lavorare molto giovane. Rimpiango il poco tempo che ho dedicato a me stessa e a mio marito. Le amicizie trascurate. Gli sport abbandonati troppo presto – dallo sci al nuoto al pattinaggio – per averne in cambio disastrosi mal di schiena. Ma si sa: nella vita non si può avere tutto“, ha dichiarato Elisabetta Belloni all’agenzia Nove colonne, in una rara intervista in cui ha parlato della sua vita privata.

5 curiosità su Elisabetta Belloni

Elisabetta Belloni, in qualità di capo dell’Unità di crisi del ministero degli Affari esteri, si è occupata del rimpatrio dei connazionali dopo lo tsunami nel Sudest asiatico e dei casi di sequestro di Giuliana Sgrena in Iraq e Clementina Cantoni e Daniele Mastrogiacomo in Afghanistan.

– Nel corso della sua lunga carriera è stata anche docente di Cooperazione allo sviluppo presso la Luiss di Roma.

– Parla perfettamente quattro lingue: inglese, francese, spagnolo e tedesco.

– Ha ricevuto diverse onorificenze, tra cui quella di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana e Cavaliere della Legion d’onore in Francia.

– Dove vive? Belloni ha una bellissima villa immersa nel verde a Sestola, in provincia di Modena, paese nativo della madre Lea, scomparsa alla soglia dei 100 anni. Il nonno materno, Oreste Burchi, è stato proprietario dell’Hotel Roma, che si trova lungo il Corso Libertà di Sestola, e lo gestiva assieme alle tre figlie.


Chi è Stefano Boeri, l’architetto che ha ideato il Bosco verticale di Milano

Chi è Vitalik Buterin, il cripto-miliardario più giovane del mondo