Eletto nuovo presidente del Senato, Ignazio La Russa ha mosso i primi passi in politica quando aveva soltanto 24 anni. Ecco la sua storia.

Ignazio La Russa, presidente del Senato dal 2022, ha iniziato la sua carriera in politica quando aveva soltanto 24 anni. La sua strada, visto che il padre era segretario del Partito Nazionale Fascista di Paternò, era, in parte, già scritta. Scopriamo la sua biografia, dagli inizi al successo.

Chi è Ignazio La Russa: la biografia

Classe 1947, Ignazio Benito Maria La Russa nasce il 18 luglio a Paternò, in provincia di Catania. Negli anni dell’adolescenza si trasferisce a Milano, dove si diploma, e poi studia in Svizzera, presso il Collegio San Gallo. Dopo la laurea in Giurisprudenza, presso l’Università di Pavia, si dedica alla professione di avvocato. Tra i processi più noti ai quali ha partecipato c’è l’assassinio di Sergio Ramelli a Milano. Nel 1971 inizia ad avvicinarsi alla politica, diventando responsabile del Fronte della Gioventù, organizzazione giovanile del Movimento Sociale Italiano (MSI). In seguito, viene eletto al consiglio regionale della Lombardia e poi al consiglio comunale di San Donato Milanese

Nel 1995 Gianfranco Fini trasforma il MSI in Alleanza Nazionale (AN) e Ignazio viene eletto alla Camera ininterrottamente fino al 2008. E’ in questo anno che decide di candidarsi con il Popolo della Libertà (PdL) di Silvio Berlusconi. Nel 2009, quando AN viene assorbito dal PdL, La Russa ne diviene coordinatore nazionale. Con l’ascesa del Governo Berlusconi viene eletto Ministro della Difesa e ricopre questo incarico fino al 2011, mentre nel 2012 esce dal PdL e fonda Fratelli d’Italia insieme a Giorgia Meloni e Guido Crosetto. Nel 2018 viene eletto senatore e vicepresidente del Senato, mentre nel 2022 diventa presidente del Senato con 116 voti a favore.

Quanto guadagna Ignazio La Russa?

Ignazio La Russa, in qualità di senatore, percepisce un’indennità mensile lorda di 11.555 euro. La cifra, al netto, corrisponde a 5.304,89 euro. A questo stipendio mensile si devono aggiungere: una diaria di 3.500 euro, un rimborso per le spese di mandato pari a 4.180 euro e 1.650 euro di rimborsi forfettari. Pertanto, la retribuzione mensile dovrebbe essere di circa 14.634,89 euro. Nel 2021, la sua dichiarazione dei redditi inerente l’anno 2020, era di 356.945 euro. Per il ruolo di presidente del Senato, il compenso dovrebbe essere pari a 16 mila euro netti al mese, compresi indennità, rimborsi e diaria. Oltre alla retribuzione legata alla politica, La Russa è azionista di minoranza dell’Inter.

La vita privata di Ignazio La Russa

Ignazio La Russa è sposato con Laura De Cicco e ha avuto da lei due figli, Lorenzo Cochis e Leonardo Apache. Da una relazione precedente avuta con Marika Cattare, è diventato padre del primogenito Antonino Geronimo. Il presidente del Senato è molto geloso della sua vita privata e anche l’attuale consorte lo è. In una sola intervista rilasciata al settimanale Chi, Laura ha dichiarato: “Io non sono molto gelosa però sulla sua fedeltà non metterei la mano sul fuoco. Invece Ignazio da bravo siculo è abbastanza geloso. Mi telefona spesso per sapere dove sono e cosa sto facendo. Ora che è più preso, però ha dovuto limitare le chiamate, e un po’ mi dispiace“.

Il primogenito Geronimo è presidente di Aci Milano. Lorenzo Kocis è laureato in giurisprudenza e, nel 2021, è stato eletto nel parlamentino del Municipio 1, Consiglio di zona del centro della città meneghina. Leonardo Apache, invece, si fa chiamare Larus ed è un trapper.

4 curiosità su Ignazio La Russa

-Il padre di Ignazio La Russa, il signor Antonino, è stato segretario del Partito Nazionale Fascista di Paternò (1940) e senatore del Movimento Sociale Italiano.

-Ignazio ha due fratelli ‘popolari’: Romano, ex europarlamentare di Alleanza Nazionale ed ex assessore alla protezione civile della regione Lombardia, e Vincenzo, avvocato e parlamentare Democrazia Cristiana morto nel 2021.

-Nel 1972, La Russa è apparso nel film Sbatti il mostro in prima pagina di Marco Bellocchio. Si tratta della ripresa reale del comizio politico della maggioranza silenziosa, movimento politico anti comunista, svoltosi a Milano.

-La Russa, nell’episodio Dolce e amara Marge, ha partecipato come doppiatore a I Simpson.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 24-10-2022


Chi è Emanuela D’Alessandro, la nuova ambasciatrice italiana a Parigi

Chi è Rishi Sunak, primo ministro della Gran Bretagna (più ricco di Re Carlo III)